1 dicembre 2013

Pane alla banana con le gocce di cioccolato

Ah, il pane alla banana... Non l'avevo mai provato prima di iniziare a cucinarlo, ma è un nome che mi ispira, e putroppo non ho ancora trovato una ricetta che mi piaccia veramente. Quella di oggi è molto buona... ma purtroppo non sa di banana! Può essere che il problema sia dovuto al fatto che le mie banane erano troppo mature ed ho dovuto eliminare un pezzo, può essere che abbia esagerato con le gocce di cioccolato, resta il fatto che sa solo di cioccolato.

Per la ricetta mi sono fatta ispirare dal blog Buono e semplice come il pane, che lo propone come pane leggero al gusto di cioccolato. Io ho seguito in parte la ricetta, e ho sostituito i cereali al cacao con vere gocce di cioccolato. Resta un pane un poco dolce, e molto adatto per la colazione e per la merenda. Chi l'ha assaggiato ha apprezzato!



Ingredienti:
2 banane mature (anche quelle che nessuno vuole mangiare perché hanno la buccia un po' annerita, basta togliere eventuali parti di polpa scura)
latte (non molto: vedi sotto)
100 g di zucchero
500 g farina Manitoba
1 cucchiaino di sale
1 bustina di lievito secco
100 g gocce di cioccolato (ma consiglio di usarne meno, magari 60-70 g)

Schiacciare le banane in un piatto usando una forchetta. Togliere la vaschetta dalla macchina del pane e posizionarla sopra la bilancia, tarando a zero. Versare le banane schiacciate, quindi aggiungere latte fino ad ottenere un peso complessivo di 370 g. Rimettere la vaschetta al suo posto, ed aggiungere lo zucchero e la farina. Mettere in un angolo della vaschetta il sale, ed al centro, in un buco scavato nella farina, il lievito.
Lanciare il programma di pane dolce, peso 1 kg e crosta media. Se la macchina del pane dispone di dosatore, caricarlo con le gocce di cioccolato, altrimenti aggiungerle al suono della macchina. Al termine della cottura, sformare il pane e lasciarlo raffreddare su una gratella.

2 commenti:

  1. strabuonissimo, mi sembra di sentirne il profumo fino a qui! brava!

    RispondiElimina
  2. Grazie Laura, sei troppo buona!

    RispondiElimina