23 dicembre 2014

Marzipan Stollen

Quest'anno ho recuperato una ricetta già pubblicata, il Marzipan Stollen, che è un rotolo di pasta lievitata con l'uvetta e il marzapane, ed è un tipico dolce natalizio nei paesi di lingua tedesca. Ho provato a rivisitare la ricetta per renderla vegana, ed il risultato ha appassionato tutti quelli che l'hanno assaggiato, forse di più della versione originale, che potete comunque trovare in questo post del lontano 2012.

E' la prima volta che provo a sostituire il burro con la crema di soia, che a volte viene chiamata anche "maionese di soia", ma sono soddisfatta del risultato. Dato che dicono sempre più spesso che il burro fa male e la margarina è peggio, conoscere un'alternativa salutare non può che far bene!


Tempi: circa 3 ore (un'ora e mezza per il programma di impasto e lievitazione della mdp, mezz'ora di preparazione e 45/60 minuti di cottura)
Ingredienti:

per la crema di soia:
135 g olio di semi
65 g latte di soia

per l'impasto lievitato:
la crema di soia (sono circa 200 g)
250 ml latte di soia
500 g farina manitoba
1 bustina lievito secco
100 g zucchero di canna
un pizzico di sale
mezza fialetta di aroma mandorla
100 g uva passa

per il marzapane:
150 g mandorle
150 g zucchero di canna
mezza fialetta di aroma mandorla (facoltativo)

infine per decorare:
zucchero a velo in abbondanza


Per la crema di soia versare il latte di soia e l'olio nel bicchiere del frullatore ad immersione, e frullare fino ad ottenere un composto denso come la panna semimontata. In alternativa si possono usare le fruste in un contenitore alto.
Versare la crema ottenuta nella macchina del pane ed aggiungere gli altri ingredienti, ad eccezione dell'uva passa, che invece va lasciata per 10 minuti in una ciotola coperta da acqua (mista a rum se il dolce non è destinato a bambini). Avviare il programma di impasto e lievitazione ed aggiungere l'uvetta al suono della macchina (se disponibile) o comunque negli ultimi 5 minuti di lavorazione.
Nel frattempo preparare il marzapane: introdurre nel tritatutto le mandorle, lo zucchero e l'aroma e tritare il più finemente possibile. Aggiungere quindi un paio di cucchiai d'acqua (si può riutilizzare quella di ammollo dell'uva passa per sfruttarne l'aroma) e continuare a tritare, aggiungendo poca acqua per volta fino a che l'impasto diventa solido e molto appicicoso. Coprire con una pellicola trasparente e lasciare in frigo.
Al termine della lievitazione (ma io ho aspettato il giorno dopo) versare l'impasto su un foglio di carta da forno e stenderlo in un rettangolo di circa 50x30 cm. Non deve essere troppo sottile. Togliere il marzapane dal frigo, dargli la forma di un salsicciotto  lungo circa 26-28 cm e metterlo al centro del rettangolo di impasto, dalla parte più corta (per capirci, le due estremità del salsicciotto dovranno essere molto vicine alla fine dell'impasto). Non schiacciarlo. Ripiegare un terzo della pasta sopra il marzapane, quindi sovrapporre l'altro terzo (le foto che avevo fatto due anni fa potrebbero aiutare a capire questo procedimento).
Lasciare lievitare ancora per un'ora (ma è facoltativo).
Accendere il forno a 180° e quando è caldo cuocere il rotolo per 45-60 minuti, a seconda di quanto si colora la superficie. Appena tolto dal forno cospargere di abbondante zucchero a velo, e servire a fette tiepidi oppure freddo. Anche scaldato 10 secondi in microonde è buonissimo!

Nessun commento:

Posta un commento