24 dicembre 2009

Fudge alla vaniglia

Questo Natale mi sono fatta un regalo. Un regalo per la cucina, per essere sincera. Ho preso, finalmente il termometro da zucchero. Non è stato semplice trovarlo, in realtà quando chiedevo nei negozi se l'avevano mi guardavano con certe facce...
Eppure, il termometro da zucchero è indispensabile per cuocere lo zucchero ed ottenere diverse preparazioni: fudge, torrone, caramello. Ho anche trovato una pagina web in cui ne parlano, nel Piccolo Archivio di Gastronomia e Scienze leccarde. Interessante.

Oggi ho inaugurato il termometro preparando il fudge. Dolce tipicamente americano, mi è sembrato un po' troppo zuccheroso, ma è tenerissimo da mangiare ed in questo periodo di feste è molto adatto. La ricetta è tratta da Brownies & Co. di Anne Wilson, 2003, Edizioni Gribaudo Srl.

Ingredienti:
405 g zucchero
125 ml latte
30 g burro
1 cucchiaino di vaniglia

Rivestire di carta da forno una piccola teglia di 21x11 cm.
In una pentola con il fondo alto (non di alluminio) versare lo zucchero, il latte, il burro e lo zucchero. Mescolare a fuoco dolce, fino a sciogliere completamente lo zucchero e a ottenere un composto omogeneo. Passare anche un pennello da cucina umido sulle pareti per sciogliere i cristalli che si formano sulla pentola. A questo punto si può portare ad ebollizione e far cuocere per circa 8 minuti, fino a raggiungere lo stadio della piccola bolla, cioè 115°C. Se non si possiede il termometro da zucchero, si verifica la temperatura giusta prelevando con un cucchiaino una piccola quantità di composto e raffreddandola in un bicchiere di acqua fredda: al tocco dovrebbe apparire come una pallina elastica.
Lasciare intiepidire, poi aggiungere la vaniglia e montare con le fruste elettriche, fino ad ottenere una crema densa. Trasferire quindi nella teglia, livellarla e lasciarla rassodare. Dopo circa 1-2 ore diventa solida e si può tagliare in quadratini con un coltello.

Quasi dimenticavo: Buon Natale!

Nessun commento:

Posta un commento