18 luglio 2013

Anguria nelle tazzine

D'estate mi prende sempre la voglia d'anguria, ma in una famiglia da 2 persone (e mezza!) è difficile consumarla in tempi brevi. Nel numero di luglio di Più Dolci ho trovato una ricetta che sembrava adatta a me: "gelo di anguria". Ho provato a realizzarla, ma il risultato non è stato quello che mi aspettavo... Questo è un dessert raffinato da servire agli ospiti dopo cena, mentre io avrei voluto una merenda freschissima per i pomeriggi di afa. Che dire? Magari la prossima volta che mi troverò tra le mani mezza anguria sperimenterò qualcos'altro.
Nel frattempo vi lascio la ricetta, così se avete ospiti a cena almeno per il dolce siete a posto. Per servirle in maniera più coreografica potete fare come me e scegliere delle tazzine da caffé trasparenti (in vetro o cristallo), oppure utilizzare i contenitori di plastica da finger food (si trovano in molti, ma non tutti, ipermercati nel reparto piatti di plastica, sono di vari colori e di solito sono riutilizzabili).


Anguria nelle tazzine


Tempi: preparazione 40 minuti, riposo 2-3 ore
Dosi per 4 bicchieri o 8 tazzine
Ingredienti:
700 g polpa di anguria
100 g zucchero a velo
25 g amido di mais
4 g gelatina in fogli
1 punta di vanillina

Ammorbidire i fogli di gelatina in un po' d'acqua a temperatura ambiente.
Eliminare i semi dalla polpa di anguria, aggiungere lo zucchero, frullarla e passarla con un colino. Versare la polpa frullata in un pentolino.
Stemperare l'amido di mais con un mestolo di frullato, poi versare il tutto nel frullato e mescolare bene. Mettere il pentolino sul fuoco e cuocere fino ad addensare leggermente la crema. Togliere dal fuoco ed aggiungere la gelatina strizzata, mescolando per farla sciogliere e distribuire uniformemente.
Versare la crema in 4 bicchieri o 8 tazzine (se non sono resistenti al calore, o se avete il dubbio che non lo siano, è meglio lasciare intiepidire la crema per qualche minuto prima di versarla). Lasciare solidificare in frigo per 2-3 ore. Servire freddi.

Nessun commento:

Posta un commento