3 luglio 2012

Cheesecake all'amarena

Eccomi tornata! Lo so, lo scorso mese non ho pubblicato nemmeno un dolce, mea culpa! In realtà ho cotto ben due torte, erano buone ma francamente inguardabili, una addirittura mi si è afflosciata miseramente a 5 minuti dal termine della cottura... Che dire, non sempre può andare tutto bene.
Ora invece, complice anche il caldo, ho deciso di dedicarmi ad una semplicissima cheesecake senza cottura, così semplice che può riuscire a chiunque. Avevo bisogno di risollevarmi il morale, si nota?
La ricetta l'ho inventata, mi sono basata sulle cheesecake che avevo già fatto in passato, ma senza andare a cercare le dosi esatte, ho seguito un po' l'ispirazione e mi è andata bene... Pochi ingredienti, una notte in frigo, e la torta è pronta!


Cheesecake all'amarena


Tempo di preparazione: 30 minuti, riposo in frigo: almeno 4 ore.
200 g biscotti
125 g burro fuso
250 g ricotta
mezza busta di Dolceneve Paneangeli
200 ml latte freddo di frigo
12 g gelatina in fogli
1 fialetta di aroma vaniglia
amarene sotto sciroppo qb

Foderare il fondo di uno stampo a cerchio apribile con la carta da forno. Mettere ad ammollare in acqua tiepida i fogli di gelatina.
Tritare finemente i biscotti e mescolarli con il burro fuso. Stendere il composto sul fondo dello stampo e pressarlo con il dorso di un cucchiaio per ottenere uno strato omogeneo. Mettere in frigo a rassodare.
Preparare il dolceneve seguendo le istruzioni della confezione: è sufficiente versare il latte sulla polvere e frullare per 5-6 minuti, fino ad ottenere un composto ben montato. Aggiungere quindi la ricotta e l'aroma.
Versare un cucchiaio della crema ottenuta in un pentolino, aggiungere la gelatina strizzata e scioglierla a fuoco bassissimo. Bastano pochi secondi. Versare quindi nella crema e mescolare per distribuire bene la gelatina.
Versare la crema sopra il fondo di biscotti tritati, livellando con il dorso di un cucchiaio. Distribuire qualche amarena sciroppata nella crema, e a piacere lasciar colare anche un po' di sciroppo per aromatizzare il dolce.
Lasciar rassodare in frigo per almeno 4 ore, meglio tutta la notte, poi passare un coltello (dalla parte non tagliente) tra la torta e il bordo dello stampo per staccarla ed evitare che si rompa aprendo lo stampo. Servire fredda.

Nessun commento:

Posta un commento